Privacy Policy
Scroll to Top

FASHION DMG MODA

Sugli altipiani vince Sara Gaudenzi

Ieri sera a Trevi nel Lazio, nella penultima tappa delle finali regionali,
ha conquistato la fascia di Miss Rocchetta Bellezza Lazio 2017,
passaporto per l’accesso alle prefinali nazionali di Jesolo 

Si è tenuta ieri sera a Trevi nel Lazio, sugli Altipiani di Arcinazzo, la penultima tappa delle finali regionali del 78° concorso nazionale Miss Italia. La carovana della bellezza laziale è arrivata infatti fino ai piedi dei monti Simbruini, nel comune famoso per le omonime cascate, per l’assegnazione del titolo di Miss Rocchetta Bellezza Lazio 2017.

La finale regionale, ospitata dal Comitato S. Pietro Eremita (santo patrono di Trevi) e patrocinata dal Comune di Trevi nel Lazio – Sindaco Silvio Grazioli – è stata organizzata dalla Delta Events, agenzia esclusivista del concorso per la regione Lazio.

E in piazza Suria erano davvero tanti ad applaudire le 25 concorrenti, egregiamente dirette dal regista Mario Gori e impeccabilmente presentate dalla affiatatissima coppia composta da Stefano Raucci e Margherità Praticò, che è anche l’agente laziale del concorso.
Le ragazze si sono esibite in tre diversi quadri moda: in abito da sera, in tubino con i gioielli Miluna, con i costumi da bagno di Giadamarina, in una divertente coreografia “marinara” sulle canzoni di Raffaella Carrà.
Impeccabile come sempre il lavoro di trucco e parrucco delle ragazze della RomEur Academy, capitanate dell’instancabile Katia Incitti, responsabile del trucco.
Non poteva mancare, ovviamente, il consueto passaggio con il tradizionale body da gara davanti alla giuria, composta tra gli altri dal Sindaco di Trevi nel Lazio Silvio Grazioli e dal Presidente del Comitato S. Pietro Eremita Augusto De Valeri – che hanno premiato la vincitrice -dal look maker Lello Sebastiani, dal personal trainer dei VIP Tommaso Capezzone e dallo chef de “La prova del cuoco” Bruno Brunori, che hanno decretato la seguente graduatoria:

prima classificata MISS ROCCHETTA BELLEZZA LAZIO 2017 è SARA GAUDENZI, 19enne di Civitavecchia (RM), alta 174, capelli castani, occhi marroni. Diplomata al liceo delle scienze umane, ha frequentato delle accademie di moda, cinema e tv. Ha praticato hip-hop a livello agonistico per 10 anni, nuoto e pallavolo. Ama ballare e uscire con gli amici. Il suo sogno è quello di diventare una brava attrice, ma soprattutto… di essere felice.

Seconda classificata LUCREZIA PERELLI, 18enne di Rieti, alta 172 cm, capelli castano-scuri, occhi verdi.Diplomata al liceo psico-pedagogico.Pratica danza, sci, pallavolo e kick-boxing, ama viaggiare e disegnare. Sogna di diventare una designer di successo.
 
Terza classificata GIULIA FERRETTI, 18enne di Rocca di Papa (RM), alta 172 cm, capelli neri, occhi marrone-scuro.Deve frequentare ultimo anno del liceo linguistico, pratica scherma, ama viaggiare, taglio e cucito. Sogna di far carriera e diventare una donna indipendente.
 
Quarta classificata SARA RHODIO, 20enne romana del quartiere Africano, alta 172 cm, capelli castani, occhi azzurri. Ha conseguito il diploma di liceo classico al Giulio Cesare di Roma, attualmente è iscritta al corso di fashion stylist presso lo IED di Roma. Ha praticato danza per 11 anni, ama leggere e suonare il pianoforte.  Sogna di diventare un’attrice affermata.
 
Quinta classificata SARA BORGHI, 18enne di Albano Laziale (RM), capelli castani, occhi marroni, alta 175 cm. Deve frequentare l’ultimo anno di liceo linguistico. Pratica danza e fitness, ama ascoltare musica e seguire il mondo della moda. Il suo sogno è, ovviamente, quello di fare la modella.

Sara Gaudenzi
raggiunge così le altre 9 ragazze che hanno vinto nei giorni scorsi la fascia regionale nelle prefinali nazionali che si terranno dal 27 al 30 agosto a Jesolo (VE). Per completare lo squadrone laziale mancano ora solo due rappresentanti, che saranno entrambe elette il 26 agosto a Montalto di Castro (VT) nel corso dell’ultima finale regionale del 2017 che assegnerà i prestigiosi titoli di Miss Lazio 2017 e Miss Cinema Lazio 2017.

Miss Italia Regione Lazio

credito: Valerio Cosmi