Privacy Policy
Scroll to Top

Fashion Celebrity

Più libri più liberi

PLPL19-campagna-orizzontale

Più libri più liberi: 410 euro la spesa media per libri di ogni biblioteca scolastica, pari a 0,2 libri nuovi a studente. E tutto questo mentre per le scuole la finalità è chiara: l’82,9% dice che la biblioteca scolastica promuove la lettura

Presentata oggi la nuova indagine AIE – in collaborazione con MIUR, Cepell e AIB – per fotografarne lo stato dopo otto anni dalla prima rilevazione

Levi: “Le biblioteche scolastiche sono il pilastro centrale su cui costruire l’abitudine alla lettura. #ioleggoperché è la nostra risposta”

Il Sottosegretario Azzolina (Miur): “Arricchire la dotazione libraria delle scuole è importantissimo e iniziative come #ioleggoperché sono davvero preziose. Ma dobbiamo anche rilanciare la biblioteca come luogo di incontro e confronto”

 

Quattrocentodieci euro. È la spesa media annua per acquisto di libri in Italia per biblioteca scolastica. Corrisponde a qualcosa come 0,2 libri nuovi a studente (il patrimonio bibliotecario scolastico medio è invece di 5,8 libri a studente). Ancora: la spesa annua per il funzionamento complessivo della singola biblioteca a scuola è di 1152 euro. Pochi dati ma sufficienti a tracciare il quadro delle biblioteche scolastiche oggi nella fotografia – a cura dell’Associazione Italiana Editori (AIE), in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR), il Centro per il Libro e la Lettura (CEPELL) e l’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) – presentata a Più libri più liberi, la fiera nazionale della piccola e media editoria in programma fino all’8 dicembre alla Nuvola. Un’indagine che si basa sulle risposte delle 7.762 scuole che hanno partecipato alla ricerca e che torna a far luce, dopo otto anni, su ruolo, funzionamento, bisogni delle biblioteche, oggi presidio davvero fondamentale se si considera che il 26% dei ragazzi (più di 1 su 4) fino ai 14 anni, secondo i dati dell’Osservatorio lettura e consumi culturali di AIE, frequenta almeno una volta al mese una biblioteca scolastica.

Come sono quindi rispetto a otto anni fa? Oggi più di 8 scuole su 10 ne hanno una (è l’84,8%: un dato che al Sud scende all’81%) ma era quasi il 90% – l’89,4% – nel 2011). Una scuola su tre (30,1%) ne ha una biblioteca sia di classe che centrale, il 60,1% ha solo una biblioteca centrale. Laddove non c’è – dicono le scuole – è per mancanza di spazi nel 43,6% dei casi e per mancanza di risorse economiche per il 29,6%.  

Il profilo delle biblioteche scolastiche centrali: Occupano in media uno spazio di 57 metri quadri, 16 posti a sedere, in un caso su 3 (35,3%) con postazioni internet. Il profilo del referente è per più della metà dei casi (52,7%) volontaristico: insegnanti fuori dall’orario, genitori, persino studenti. Solo nell’1,3% dei casi è un bibliotecario professionista ad occuparsene.

Le dotazioni: in media sono 109 i libri nuovi entrati in un anno, per il 70% donati: i nuovi titoli entrati nella biblioteca sono in media 109, qualcosa come 0,2 in media a studente (!).  Per il 70% sono donazioni: nel 47,1% dei casi sono ricevuti in omaggio da soggetti esterni (come #ioleggoperché) e nel 20,8% dalle famiglie. In altre parole, i tre quarti dei libri che entrano nelle biblioteche scolastiche oggi sono regali.

La finalità della biblioteca scolastica: ciò che sorprende rispetto a questo quadro desolante è il ruolo decisivo della biblioteca nelle scuole, secondo gli stessi partecipanti all’indagine. Per l’82,9% le scuole dicono infatti che lo scopo della biblioteca è promuovere la lettura (8 anni fa era il 64,4% degli Istituti ad affermarlo), ma c’è anche un alto numero (il 65,7%, era il 41% nel 2011) che dichiara che favorisce il prestito a casa dei libri e il 59% (37,2%) il supporto all’attività didattica. Il supporto all’attività dei docenti emerge “solo” nel 20,3% delle risposte.

I rapporti: con nessuno: per il 78,4% delle scuole la biblioteca non è inserita in alcun sistema. Solo il 14,2% prevede una relazione tra biblioteche scolastiche.

È #ioleggoperché, l’iniziativa di AIE per potenziare proprio le biblioteche nelle scuole, il caso più incisivo di cooperazione secondo le scuole stesse, indicata nel 46,5% dei casi. A seguire sono indicate le attività con le biblioteche pubbliche (25,3%) e con Libriamoci (24,1%), l’iniziativa del Centro per il Libro e la Lettura.

Secondo le scuole inoltre il progetto #ioleggoperché ha contribuito nel 44,7% dei casi a potenziare biblioteche esistenti e a far nascere 131 nuove biblioteche: “Questa è una ricerca preziosa perché si diventa lettori a partire dalla scuola – ha sottolineato il presidente di AIE, Ricardo Franco Levi -. Le biblioteche scolastiche sono il pilastro centrale su cui costruire l’abitudine alla lettura. #ioleggoperché è la risposta di AIE a questa consapevolezza”.

“La scuola è il luogo in cui si impara a leggere e a scrivere. È a scuola che si entra in contatto con i primi libri e che si scopre cosa è una biblioteca – sottolinea la Sottosegretaria all’Istruzione, Università e Ricerca, Lucia Azzolina -. Arricchire la dotazione libraria delle scuole è importantissimo e iniziative come #ioleggoperché sono davvero preziose. Ma dobbiamo anche rilanciare la biblioteca come luogo di incontro e confronto. Dove si possono prendere volumi e poi rimanere per studiare, per parlare con un professore, per stare con i compagni dopo le lezioni. La biblioteca può davvero essere il centro di una scuola intesa come centro civico, dove si resta anche dopo l’orario di lezione per partecipare a iniziative, dibattiti, per fare i compiti. La biblioteca è un luogo vivo, dobbiamo valorizzarla. Come Ministero lo faremo anche rafforzando partnership e iniziative comuni con realtà come l’Associazione italiana editori”.

PLPL19-campagna-verticale
la giovane attivista russa Olga Misik

“Leggere la Costituzione a Mosca. La battaglia di Olga Misik e la generazione Putin”

con la giovane attivista russa Olga Misik e Rosalba Castelletti.

Olga Misik, la diciassettenne attivista russa che a Mosca, durante una manifestazione per la democrazia, ha affrontato la polizia di regime leggendo gli articoli della Costituzione.

CUP STUDIO

Giugno 1st, 2020

AKEP Cup Studio vi propone una selezione dedicata agli opposti della moda: il bianco ed il nero. POMIKAKIPARFOIS #weareback

Leggi tutto

Gattinoni “ THE DREAM ”

Giugno 1st, 2020

Collezione Alta Moda Primavera Estate 2017 “Se sognare un po’ è pericoloso, il rimedio non è sognare di meno ma sognare di più, sognare tutto il tempo” Marcel Proust “ THE DREAM ” ...

Leggi tutto

CUP STUDIO

Maggio 26th, 2020

Cup Studio vi propone una selezione dedicata al re indiscusso di ogni stagione: che sia anni ’80, ’90, con applicazioni gioiello oppure classico, basta che sia denim! #weareback

Leggi tutto

CUP STUDIO

Maggio 25th, 2020

Cup Studio vi propone una selezione ispirata alle righe per l’estate 2020, STRIPE A POSE! #weareback

Leggi tutto

Concita De Grecorio con Ginevra
FASHIONDMG-1